Ciampi e Prodi ci hanno posto di fronte ad una scelta senza via di uscita

di Emanuela Melchiorre

pubblicato su www.ragionpolitica.it il 12 maggio 2012

Il settimanale tedesco Der Spiegel nel suo ultimo numero ha lanciato la bomba mediatica che in tempi di crisi deflagra con conseguenze spesso imprevedibili. Il settimanale, dopo aver consultato una massa di documentazione del governo Kohl (1994 e il 1998), gli anni in cui si presero le decisioni fondamentali riguardo alla moneta unica, ha affermato che l’Italia truccò i conti per entrare nell’euro, così come ha fatto la Grecia a suo tempo.

Tra il 1996 e il 1998 secondo il settimanale tedesco (tradotto da Il Giornale) Romano Prodi e il suo ministro del Tesoro Carlo Azeglio Ciampi hanno predisposto «misure di risparmio cosmetiche», che «si basavano su trucchi contabili». «L’Italia non avrebbe mai dovuto essere accolta nell’euro – ha decretato il periodico amburghese – anzi si creò il precedente per una decisione ancora più sbagliata presa due anni dopo: l’ingresso nell’euro della Grecia».

Ciampi e Prodi, definiti dalla stampa il gatto e la volpe, truccarono i conti, vendettero parte delle riserve auree e imposero una costosissima tassa di scopo pur di entrare nell’euro. Tuttavia, di fronte ad una accusa tanto diretta da parte di un settimanale tedesco, si può replicare che il ruolo della Germania in questa storia non fu certo secondario. Agevolò, infatti, l’ingresso del nostro Paese per interesse nazionalistico.

Secondo i piani tedeschi l’ingresso dell’Italia nell’euro avrebbe giovato al ruolo egemone della Germania nell’ambio europeo poiché altrimenti la lira debole avrebbe danneggiato l’economia tedesca con un marco forte. Imporre quindi un cambio lira euro che giovasse alla Germania è stata la strategia tedesca avallata dalla coppia Prodi – Ciampi. È stato così che le esportazioni italiane hanno sofferto dell’aumento per così dire forzoso dei loro prezzi a vantaggio del concorrente diretto: la Germania.

Che Prodi e Ciampi fossero in grado di comprendere le conseguenze delle decisioni prese, non è dato saperlo senza cadere nello scivoloso campo delle supposizioni. Certo è che oggi le conseguenze le stiamo pagando tutti, con una crisi economica senza precedenti, aggravata da una sostanziale latitanza della politica economica in particolare e della Politica in generale.

Con la scelta di entrare nella moneta unica si è sostanzialmente scelto di rinunciare al primato della politica sull’economia. La perdita della sovranità, non solo monetaria ed economica, non porterà fuori dal tunnel. Al contrario contribuirà a inviluppare la spirale di crisi economica e l’assenza di qualsiasi piano per la crescita e il ricorso ad ogni balzello per aumentare le entrate tributarie costituisce un acceleratore di decrescita. Gli altissimi costi che stiamo pagando in termini economici e umani per rimanere nell’euro hanno portato molte volte chi scrive a considerare se l’uscita dalla moneta unica sia una via possibile e auspicabile. La conclusione non è scontata. In primo luogo, occorre considerare che i Trattati consentono l’uscita dall’Unione Monetaria solamente con il verificarsi di due circostanze: uno Stato membro o un gruppo di stati possono decidere di abbandonare l’Unione europea; uno Stato membro o un gruppo di Stati possono essere espulsi dall’eurozona.

Non è prevista nessuna clausola che consenta la possibilità ed i modi, da parte di uno Stato, di abbandonare l’Unione monetaria europea. Questo comporterebbe dunque la negoziazione di un emendamento del Trattato, che aggiunga una clausola di uscita, condotta non solo con i Paesi dall’eurozona, ma con tutta l’Unione Europea. È prevedibile che un simile fatto politico comporti tempi estremamente lunghi e sicuramente incompatibili con la rapidità che richiede il precipitare della situazione. Vi è poi da considerare il processo di conversione dell’euro in valuta nazionale. Tale processo, se non concordato, comporterà una rottura unilaterale del Trattato di Maastricht, del Trattato di Lisbona e del Trattato di Roma e l’introduzione di controlli al movimento di capitali.

Sarà quindi improbabile che uno Stato possa lasciare l’euro e rimanere membro dell’ Unione Europea.Tra i costi da considerare vi è anche quello della conversione del debito pubblico italiano denominato in euro. La sua conversione in valuta nazionale comporterà sicuramente costi in termini di perdita di credibilità e di aumento del tasso di interesse, di rivalutazione del debito estero e di perdita di valore delle attività finanziarie in seno alle imprese. L’annuncio poi del ritorno alla valuta nazionale comporterebbe la corsa agli sportelli da parte dei risparmiatori che preferiranno detenere i propri fondi in euro e in contanti, equiparabili a riserve valutarie in valuta straniera, piuttosto che convertirli obbligatoriamente. Sicuramente la prospettiva di un ritorno alla valuta nazionale non è più rosea dello status quo.

Il blog di Emanuela Melchiorre

One Response to “Ciampi e Prodi ci hanno posto di fronte ad una scelta senza via di uscita”

  1. Carissima Dottoressa,

    Tutto condivisibile ma c’è una cosa che non capisco. Non sono un macroeconomista e quindi forse per questo non sono in grado di apprezzare tutti gli aspetti di quanto andrò a dire. Ma mi chiedo se non sia possibile prevedere con la sovranità politica rimasta negli stati dell’Unione, e quindi anche Italia, la emissione di titoli di Stato che portino con loro un diritto di prelazione a favore dello Stato nel caso in cui i titoli stessi siano scambiati dal mercato per un valore inferiore a quello di emissione. Un accorgimento del genere consentirebbe allo Stato di poter procedere, nel caso di una transazione sul mercato ad un prezzo piu basso rispetto a quello di emissione, al rimborso anticipato del titolo, appunto attraverso il riacquisto ad un prezzo inferiore a quello di emissione. Inoltre lo Stato stesso potrebbe beneficiare della plusvalenza da imputare a riduzione del debito pari alla differenza fra il valore di collocamento e quello di riacquisto. Lo Stato avrebbe poi in ogni caso la possibilità di poter rifinanziare il debito, per un valore inferiore alla emissione precedente, attraverso nuove emissioni a valori corrispondenti al prezzo di riacquisto dei titoli. Presumibilmente tali emissioni si rivelerebbero maggiormente onerose come effetto delle stessa cause che hanno determinato la percezione di flessione del valore del titolo nel mercato e quindi la transazione ad un valore piu basso; ma tali effetti sarebbero comunque riflessi attraverso i maggiori interessi sul debito futuro permettendo una dilazione delle conseguenze negative sia sotto il profilo contabile e sostanziale. Più penso a tale meccanismo poi e meno comprendo i motivi per cui potrebbe non funzionare il conseguente effetto di deterrenza del fenomeno speculativo al ribasso. La speculazione al ribasso, vero attacco sistematico ai paesi meno stabili sotto il profilo finanziario, sarebbe infatti scoraggiata potendo lo Stato comunque esercitare la propria facoltà indipendentemente dalla volontà degli investitori. Lei che ne pensa?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: